Pallavolo e ingegneria: la doppia laurea della fiabesca Fiabane

14 Aprile 2021

In questa stagione pallavolistica l’abbiamo già ribattezzata “fiabesca Fiabane” per la qualità delle prestazioni, la capacità di incidere in partita, l’impegno. Ma Claudia, centrale del Cortina Express Belluno, è fiabesca anche nello studio: basti pensare che, il prossimo luglio, si laureerà in Ingegneria energetica all’Università di Bolzano. A conferma che, al di fuori del parquet, c’è un mondo. Il “suo” mondo.

CINEMA E FAMIGLIA – Apprezza lo sciatore francese Alexis Pinturault («mi piace per la sua versatilità»), oltre al tennista Rafa Nadal («uno che non molla mai»), nel tempo libero ama camminare e trascorrere del tempo con le persone più care («sono felice quando vado a trovare la nonna»). Innamorata dell’Alpe di Siusi («lo scenario è fantastico, rilassante»), è una vera intenditrice di cinema e spazia dai film di impegno civile («Il diritto di contare: la storia di tre scienziate, sempre emarginate, capaci con la loro forza di cambiare il corso degli eventi») ad altri più leggeri («Ti amo in tutte le lingue del mondo di Pieraccioni: lo guardavo da bambina con papà»). I genitori sono importanti, per Claudia, pure in ambito musicale: «Insieme a mio padre ascolto canzoni italiane, mentre con mia mamma puntiamo sulla musica elettronica». Mamma che è pure una cuoca sopraffina: «La sua pizza è imbattibile. Al pari delle orecchiette con i broccoli».

BINOMIO – Studio e sport, un binomio vincente. Soprattutto in epoca di pandemia: «Mi ritengo fortunata ad avere la pallavolo. In caso contrario, non uscirei nemmeno di casa: mi manca la vita di prima». Una vita scandita anche da muri e schiacciate sotto rete: «Quando ero piccola vedevo il volley come il mio solo e unico mondo. Poi, crescendo, ho iniziato a dare priorità ad altre sfere. Come l’università, a cui tengo davvero parecchio. E così ora la pallavolo è diventata la mia valvola di sfogo, grazie alla quale mi diverto».

SOGNO PROMOZIONE – Nel frattempo, il Cortina Express ha chiuso il girone di regular season al secondo posto e si è qualificato per i playoff: «Abbiamo avuto alcuni alti e bassi, anche se in quest’ultima fase siamo cresciute. Il gruppo? È eterogeneo, con ragazze più esperte, come la capitana Martina e la “Garza”, alcune “intermedie”, tipo la sottoscritta, e la maggior parte molto giovani. Riuscire ad amalgamare queste componenti era fondamentale». E le “lupe” ce l’hanno fatta: «Il primo step era legato alla salvezza, il secondo alla qualificazione ai playoff. Ora? Beh, proveremo ad andare più avanti possibile».

Claudia è impastata di concretezza, ma allo stesso tempo è una sognatrice.
E allora, in tema di sogni pallavolistici, tanto vale puntare in alto: «Mi piacerebbe arrivare alla promozione. Non l’ho mai raggiunta e sarebbe un obiettivo meraviglioso pure a livello personale».
“Pensa, credi, sogna e osa”: le parole sono di Walt Disney. E la “fiabesca” Fiabane le ha fatte sue.

Scopri il piacere di viaggiare con Cortina Express

WI-FI FREE
A BORDO

POLTRONE
LOUNGE

1 BAGAGLIO
INCLUSO

SCI GRATIS
A BORDO

PRESA DI
CORRENTE

PICCOLI AMICI
A BORDO